Snaidero: ok del Tribunale di Udine, passa a Dea Capital

Via libera dal Tribunale di Udine alla procedura di ristrutturazione del debito Snaidero, marchio italiano di cucine, che ora passerà a Dea Capital, società quotata in Borsa del gruppo De Agostini. Riuniti in camera di consiglio, i giudici Francesco Venier (presidente), Andrea Zuliani e Marco Caienna hanno decretato l'omologa dell'accordo di ristrutturazione stipulato lo scorso aprile tra la storica impresa di Majano (Udine) e i creditori - rappresentanti il 67% del debito complessivo (67,7 milioni di euro in totale al 31 dicembre) - accogliendo così il ricorso presentato dai legali della società, gli avvocati Luca Ponti e Francesca Spadetto. Lo riporta la stampa locale. Ora la società può procedere con il risanamento del debito e rilanciare la sua attività fin da subito: i giudici hanno decretato l'omologa con "immediata irreversibilità". Di respiro quinquennale (2018-2022), il piano prevede l'ingresso in Snaidero del fondo IDeA CCR II, gestito da DEA Capital alternative Foundation Sgr.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Fogliano Redipuglia

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...